Home  
  
  
    Ogni quanto lavarsi i capelli?
Cerca

Pettinature
Cura dei capelli
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Bisogna lavarsi i capelli tutti i giorni?

Lavarsi i capelli tutti i giorni, sì o no? E se no, ogni quanto bisogna lavarli? È una domanda importante e i pareri sono divergenti. Vanessa Giani, responsabile del Training Center Jean-Louis David, ci aiuta a fare il punto.

Ogni quanto lavarsi i capelli?
© Getty Images

Perché bisogna lavarsi i capelli?

La risposta sembra evidente, eppure merita che ci soffermiamo un po’ sull’argomento! Le ghiandole sebacee del cuoio capelluto producono naturalmente del sebo che si accumula giorno dopo giorno sul cuoio capelluto e sui capelli. Per mantenere un tasso di sebo ideale, e pulire le punte, è indispensabile farsi uno shampoo regolarmente. Gli shampoo contengono una miscela di tensioattivi che, a contatto con l’acqua, liberano il cuoio capelluto e i capelli da tutte le impurità.
Ma attenzione a non lavarli troppo! Vanessa giani, responsabile del Training Center Jean-Louis David, considera che lavarsi troppo spesso i capelli può disidratarli e renderli stopposi, provocando anche prurito. Troppi shampoo possono anche causare un aumento della produzione di sebo, rendendo quindi, paradossalmente, i capelli sempre più grassi, soprattutto se sono sottili o grassi già di per sé. Ma allora, quante volte alla settimana vanno lavati? Dipende tutto dal tipo di capelli....

Quante volte vanno lavati?

Se hai capelli normali: buone notizie, i capelli normali sono quelli meno difficili da gestire. Secondo Vanessa Giani, questo tipo di capelli non dà problemi: un paio di shampoo alla settimana bastano e avanzano. Ogni tanto, applica un po’ di balsamo idratante dopo lo shampoo per mantere i tuoi capelli in buona salute.

Se hai i capelli secchi: i capelli secchi sono poco idratati. Vanessa Giani consiglia di lavarli una o due volte alla settimana con shampoo e balsamo idratanti, a base di acidi grassi essenziali. Aggiungi una crema senza risciaquo, un balsamo nutriente o un olio per capelli, dopo ogni shampoo o ogni giorno sui capelli asciutti per nutrirli e ripararli. Inoltre, una volta alla settimana puoi fare una maschera.

Se hai i capelli crespi: il tuo cuoio capelluto produce meno sebo di quel che dovrebbe. Per compensare, lavati i capelli una o due volte alla settimana con dei prodotti pensati apposta per questo tipo di capelli. Applica il balsamo ad ogni lavaggio e fai impacchi idratanti (per esempio a base di avocado o noce di cocco), è importante.
Per i capelli crespi, va molto di moda il Co-wash. Questo metodo consiste a sostituire lo shampoo con il balsamo, più ricco di ingredienti nutrienti e meno aggressivo.

Se hai i capelli grassi: contrariamente agli altri tipi di capelli, che richiedono in media solo uno o due shampoo alla settimana, i capelli grassi devono essere lavati più spesso. Le ghiandole sebacee di questo tipo di cuoio capelluto producono un eccesso di sebo. Per evitare che abbiano un aspetto unto e sporco, Vanessa Giani consiglia di lavare questo tipo di capelli tutti i giorni. Meglio se con shampoo a base di piante purificanti o di zinco piritione, un agente antifunghi e antibatteri.
Se i tuoi capelli non sono grassi di per sé ma tendono ad avere un aspetto unto ogni tanto (dopo la palestra, quando fa caldo, ecc.), puoi lavarli più di due volte alla settimana. Privilegia uno shampoo delicato, dal pH neutro che ripristina l’equilibrio capillare e, ogni tanto, un metodo alternativo...

Le alternative per lavarsi meno i capelli

Lo shampoo secco

Per Vanessa Giani, lo shampoo secco è una buona alternativa, ma non bisogna aspettarsi miracoli. Uno shampoo secco non sostituisce un lavaggio vero e proprio, semplicemente perché non lava i capelli. Non dev’essere utilizzato tutti i giorni perché rischia di soffocare il cuoio capelluto. Ma, ogni tanto, un ritocchino può essere una buona opzione per evitare lo shampoo.

Il no-poo

Più radicale, chi sceglie il metodo No-Poo abbandona definitivamente lo shampoo. I capelli vanno lavati meno spesso e con un preparato a base di bicarbonato di sodio (per eliminare le impurità) e di aceto di sidro (per rendere i capelli più setosi e brillanti). Piano piano, si diminuisce l’utilizzo di questa miscela per lavarsi solo con acqua.

Attenzione, la nostra esperta raccomanda di essere prudenti con i preparati fatti in casa. Farli da sé implica conoscerne con esattezza gli ingredienti e le dosi. Ad esempio, l’argilla, utilizzata in maniera eccessiva sui capelli grassi per assorbire l’eccesso di sebo rischia di seccare troppo la cute.

Amandine Garcia

Commenta
31/03/2015

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Qual è la pettinatura giusta per te?

Test bellezza

Scopri la pettinatura giusta per te