Home  
  
  
    Il vestito dello sposo
Scegliere il vestito da sposa e da sposo
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Come scegliere il vestito dello sposo

Meglio l’abito classico o quello moderno? L’essenziale è che lo sposo si senta perfettamente a suo agio nel giorno più importante della sua vita, e se lasci scegliere a lui come vestirsi, non potrai che valorizzarlo.

Il vestito dello sposo
© Getty Images

Come te, anche il tuo fidanzato deve avere il tempo di provare diversi abiti. Discuti con lui la forma, il colore, del piccolo dettaglio in accordo con il tema della vostra giornata o con il tuo abito da sposa.

Tight, abito, blazer?

In tema di abito da sposo, il grande classico è la redingote, la lunga giacca con le falde arrotondate che scendono fino alle cosce. In genere è nera o con disegno a spina di pesce, in lana, abbinata a un gilet o a una lavallière. La redingote valorizza gli uomini con il fisico slanciato, ma attenzione: se prevedi di sposarti in piena estate, c’è il rischio che faccia caldo e che lo sposo si trovi a disagio nella redingote di lana…

Spesso, quando lo sposo sceglie il tight chiede a suo padre, ai suoi fratelli o al testimone di vestirsi nello stesso modo. Per contenere i costi è quindi possibile noleggiare redingote e pantalone (calcola circa 150 euro a persona): il negozio prenderà le misure di ciascuno e proporrà di affittare gli abiti quasi su misura per la durata di un weekend.

Un altro classico: l'abito 3 pezzi. I grandi magazzini e i negozi specializzati per l'uomo propongono dei gilet più o meno classici, color sabbia o crema, in tinta unita o ornato. Possono essere incrociati (da 4 a 6 bottoni) o dritti (6 bottoni). La regola d'oro è provarli: lo sposo deve sentirsi a suo agio, comodo e affascinante nel suo completo. Dopo tutto sarà lui la star della giornata!

Alcuni uomini preferiscono gratificarsi acquistando un abito speciale o firmato per questa giornata memorabile: potranno poi indossarlo di nuovo per le grandi occasioni o anche per lavoro.

E perché non farsi fare un abito su misura? Questa è spesso la soluzione adottata dagli uomini con il fisico "fuori dalla norma": cicciottelli, con stazza XXL e un notevole scarto di taglia tra il pantalone e la giacca. Attenzione: fatti fare un preventivo prima di ordinare, perché in funzione del taglio e del tessuto scelto il costo di produzione può superare quello dell’abito da sposa.

L’abito dello sposo: chiaro o scuro?

Riguardo ai motivi e ai colori, non vanno dimenticate alcune regole: le righe slanciano, i quadretti ingrossano e i colori scuri smagriscono. Per il resto, la scelta dell’abito può dipendere anche dal tema, dal luogo e dalla data della cerimonia.

Da qualche anno l’abito tutto color avorio è tornato da protagonista nelle sfilate di moda maschile. La redingote, il gilet, la camicia e la cravatta sono di un bell’avorio, in tinta unita. Perché no, se lo sposo si sente a suo agio? Ovviamente il colore chiaro starò bene a chi ha il fisico alto e snello.

La scelta di un abito chiaro è soprattutto una questione di gusto personale o di tradizioni famigliari; alcune religioni lo vietano, altre lo raccomandano. Ti consigliamo di parlarne con la futura sposa.

Cravatta o lavallière ?

Oggi al papillon si tende sempre di più a preferire la cravatta o la lavallière.

Più l’abito è classico, più la lavallière sarà adatta: si tratta di una specie di sciarpa sagomata, stretta in mezzo e annodata in due nodi. Il venditore o un parente potranno insegnare allo sposo a farla ricadere nel modo giusto.

La cravatta si adatta perfettamente a un abito più moderno e sa valorizzare una giacca semplice e ben sagomata. Puoi abbinare i colori secondo i tuoi gusti, riprendendo ad esempio il colore tematico della decorazione, e magari chiedendo al testimone di indossarne una uguale. Ti consigliamo inoltre di portare in negozio un campione di tessuto dell’abito della sposa, per trovare un tessuto che si accordi bene nel colore e nel tessuto.

Un fazzoletto o una pochette in tinta nella tasca della giacca danno infine il tocco finale al completo. Ricorda che sempre più spesso il fazzolettino viene sostituito da un fiore del bouquet della sposa.

La camicia dello sposo: l’ultimo tocco di stile

La camicia in genere è bianca, con un leggero tocco di colore, e in tessuto prezioso. Il collo più usato è quello “alla francese”, con punte ampie e aperte, che però tende a ingrossare i visi già un po’ paffuti. L’ideale è quindi provarla in negozio insieme all’abito scelto, per assicurarsi che il colletto e le maniche spuntino leggermente dalla giacca.

Per un risultato di gran classe scegli i “polsini da moschettiere”, con le maniche che si attaccano con l’aiuto dei gemelli: la futura sposa potrà aiutare il fidanzato a scegliere i gioielli o magari regalarglieli.

Per quanto riguarda le scarpe, infine, meglio puntare sulla sobrietà: scegli delle richelieu nere a punta dritta e con le stringhe, che ovviamente vanno indossate con dei calzini neri. E, come la futura sposa, anche l’uomo dovrà assicurarsi di sentirsi comodo nelle proprie scarpe il giorno fatidico: vi consigliamo quindi di indossarle spesso, in casa, per adattarle al piede senza sporcarle e….per non fare un passo falso nel giorno più importante della vostra vita!

Lucile Woodward

Commenta
19/06/2013

Per saperne di più:


Newsletter

Test consigliato

Qual è la pettinatura giusta per te?

Test bellezza

Scopri la pettinatura giusta per te