Home  
  
  
    Gli ingredienti dannosi nei cosmetici
Cerca

Cure per la pelle
Cure per la pelle
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Gli ingredienti dannosi nei cosmetici: come leggere l'INCI

Shampoo, balsamo, creme idratanti e gel da barba: tutti prodotti di cui oggi non sapremmo fare a meno. A guidarci negli acquisti la fiducia nella marca, la convenienza nel prezzo o la cara vecchia abitudine, ma conosciamo davvero i prodotti che usiamo quasi ogni giorno? E se tra gli ingredienti che li compongono ce ne fossero alcuni dannosi sia per la nostra salute che per la nostra bellezza? Parabeni, tensioattivi e formaldeide sono solo alcune delle sostanze che, se contenute nei prodotti usati, li rendono poco salutari per la pelle e per i capelli. Scopri con Doctissimo quali sono queste sostanze e come capire se i prodotti del tuo beauty case ne contengono.

Gli ingredienti dannosi nei cosmetici
© Getty Images

La formaldeide

La formaldeide è un conservante e un battericida molto potente contenuto spesso in fondotinta, smalti per unghie, shampoo e trattamenti liscianti per capelli. In seguito a studi e ricerche, però, l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC) l’ha inserita nella lista delle sostanze sicuramente cancerogene per l’uomo. Proprio per questa ragione l’Unione Europea ne ha limitato fortemente l’utilizzo, ma nonostante ciò bisogna comunque tenere gli occhi aperti. Esistono sostanze, infatti, in grado di rilasciare formaldeide, per cui è bene controllare anche la loro presenza nella lista degli ingredienti contenuti nel prodotto. Le sostanze da evitare perché in grado di rilasciare formaldeide hanno nomi difficili ma assolutamente da ricordare come sodium hydroxymethyl glycinate, benzylhemiformal, imidazolidinyl urea e diazolidinyl urea.

I parabeni

Che tra gli ingredienti sia indicato come methylparaben, ethylparaben, propylparaben, isobutylparaben, butylparaben o benzylparaben poco importa. Se si legge una qualsiasi di queste sostanze tra gli ingredienti del prodotto vuol dire che al suo interno ci sono parabeni, ovvero sostanze conservanti la cui nocività e cancerogenicità non è stata ancora scientificamente provata, ma sulle quali si hanno dubbi così forti da spingere l’Unione Europea a pensare di limitarne la quantità nelle confezioni. La presenza di parabeni non coinvolge solo i prodotti destinati alla bellezza della donna, ma anche gli innocenti prodotti per l’igiene dei neonati o i gel da barba e il dentifricio. Dei sei più usati che abbiamo elencato all’inizio, ce ne sono due meno pericolosi a basse concentrazioni: methylparaben ed ethylparaben. Il consiglio, comunque è sempre quello di evitare queste sostanze leggendo con attenzione gli ingredienti del prodotto, soprattutto se questo non prevede risciacquo e resta a contatto con la pelle.

I tensioattivi

Anche se decadute le accuse di cancerogenicità nei loro confronti, meglio comunque evitare o ridurre i tensioattivi, sostanze contenute soprattutto in detergenti per il corpo e per i capelli. I tensioattivi sono utili alle industrie per la loro capacità di favorire la miscela tra diverse sostanze e di generare la schiuma che tanto piace, soprattutto quando si è immersi in un bel bagno caldo. I più usati nei prodotti sono il sodium laureth sulfate (SLES) e il sodium lauryl sulfate (SLS), preferibilmente da evitare perché troppo aggressivi sia per la pelle che per il cuoio capelluto.

I siliconi

I siliconi sono particolarmente diffusi nelle creme per il viso, nel make-up e nei prodotti per i capelli grazie alla loro capacità di rendere il prodotto resistente all’acqua e di lunga durata. Se aprissimo il vostro beauty case tra gli ingredienti dei prodotti, in quanti troveremmo il dimethicone? A meno che non siate appassionate di prodotti erboristici, quasi in tutti. I siliconi, di cui il dimethicone è uno dei più usati, hanno il potere di levigare subito la pelle, di rendere dal primo utilizzo la chioma facilmente districabile e luminosa ma il problema è che curano solo la parte estetica. In realtà non solo non nutrono, ma creano una pellicola sottilissima che impedisce il passaggio dei nutrienti in un secondo momento. Se levassimo questa guaina di falsa bellezza, sotto uscirebbe una pelle provata e dei capelli più sfibrati che se non avessimo usato prodotti cosmetici. Insomma anziché aiutarci a risolvere i problemi estetici, i prodotti contenenti siliconi non fanno che camuffarli, ma non sempre occhio che non vede capello che non duole, almeno non in questo caso.

Prestare attenzione agli ingredienti contenuti nei prodotti, questo sì che ci aiuterebbe ad essere più belli e più sani.

Giuditta Danzi

Scritto da

Commenta
15/01/2014

Per saperne di più:


Newsletter

Forum Bellezza

Test consigliato

Qual è la pettinatura giusta per te?

Test bellezza

Scopri la pettinatura giusta per te