Home  
  
  
    Acne: dichiara guerra ai brufoli
Cerca

Cure per la pelle
Problemi di pelle
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Problemi della pelle: l'acne

L'adolescenza è spesso sinonimo di acne e questi disordini cutanei impediscono molto spesso di vivere bene. Questa malattia della pelle tocca più di 80% dei giovani al momento dei primi turbamenti. Ma gli adolescenti non sono gli unici ad esserne toccati, sembra che 25% degli adulti ne soffrano.

Acne: dichiara guerra ai brufoli
© Getty Images

Anche se l'acne è un disturbo che non ha conseguenze gravi, il suo principale fastidio rimane di carattere estetico: bollicine e cicatrici, le conseguenze che può avere sulla qualità di vita delle persone possono essere enormi.

80% dei giovani

Brufoli sparsi sulla fronte, sulle guance, ai lati del naso e sul mento…gli adolescenti che sfuggono all'acne sono rari.

La spiegazione: quando i cambiamenti ormonali della pubertà si producono, le ghiandole sebacee androgene secretano grandi quantità di sebo che ostruisce i pori. Quando questo accade possono comparire dei punti neri o delle microcisti bianche. Nonostante l'acne non sia dovuta ad una cattiva igiene, per evitare l'accumularsi del sebo e le complicazioni che ne derivano, bisogna tener pulita la pelle con detergenti e maschere e idratare la pelle regolarmente.

Bisogna utilizzare preferibilmente dei saponi detti "surgras" cioè adatti alle pelli più sensibili, o un "syndet" a base di soluzioni alcoliche, o allo zolfo, che però può risultare aggressivo per la pelle. Fare regolarmente delle maschere purificanti impedisce alle pelli morte di accumularsi e di intralciare lo produzione di sebo. Attenzione tuttavia ai prodotti troppo abrasivi, scegliete piuttosto una maschera dolce. Infine una crema idratante leggera eviterà il rischio di irritazioni. Non bisogna mai schiacciare o grattare i brufoli, si rischia di irritare le lesioni già infiammate e di aumentare i rischi di infezione.

Una nuova malattia per l'adulto?

L'acne tocca sempre di più gli adulti e soprattutto le donne tra i 25 e i 40 anni. Questo nuovo fenomeno potrebbe parzialmente essere spiegato con l'abuso dei cosmetici, allo stress ma anche con l'eccessiva esposizione allo smog. Contrariamente all'acne adolescenziale i fattori ormonali non sembrano essere i responsabili di tale fenomeno.

Consulta un dermatologo

Alcune persone presentano una pelle predisposta alla comparsa di acne grave. Per le ragazze un trattamento più intenso permetterà di debellare quest'infezione e le sue complicazioni mediche e psicologiche. Quindi non esitare a chiedere il parere di un dermatologo. Può consigliarti degli anti-acneici locali che permetteranno di lottare contro lo sviluppo dei batteri e di agire sulla secrezione del sebo. Si possono anche utilizzare dei trattamenti generali per via orale. Si tratta solitamente di antibiotici, efficaci contro i batteri che si sviluppano creando dei brufoli.

Attenzione però! Le cure prescritte dal vostro medico non devono essere prese alla leggera. Bisogna seguire attentamente i suoi consigli. Nell'attesa di veder sparire l'acne il tuo dermatologo potrà consigliarti anche un trucco correttivo. Questi prodotti, i nuovi arrivati nell'universo dei cosmetici, permettono di coprire i difetti cutanei importanti e di dimenticare le imperfezioni cutanee che ti affliggono.


Clémentine Allix

Commenta
04/05/2010

Per saperne di più:


Newsletter

Forum Bellezza

Test consigliato

Qual è la pettinatura giusta per te?

Test bellezza

Scopri la pettinatura giusta per te