Home  
  
  
    Togliere i punti neri
Cerca

Cure per la pelle
Problemi di pelle
 
Il tuo nome :
La tua mail * :
Nome del destinatario :
E-mail del destinatario * :
Messaggio :
*campo obbligatorio
Messaggio inviato

Come togliere i punti neri?

I punti neri sono imperfezioni particolarmente fastidiose: come compaiono? Come evitarli? Schiacciarli da sé è una buona idea? Lo abbiamo chiesto alla Dott.ssa Catherine Braeken, dermatologa per Mixa.

Togliere i punti neri
© Getty Images

Punti neri: che cosa sono?

I punti neri – chiamati anche “comedoni aperti” - si formano principalmente sul viso, vicino al naso, ma anche sul resto della zona “T”, e cioè la fronte e il mento. Sono legati all’ostruzione di un canale pilifero provocata da cheratinociti (una miscela di sebo e cellule morte). Questi cheratinociti devono squamarsi tutti i giorni, ma nei periodi di cambiamenti ormonali o qualora si mantenga una scarsa igiene della pelle, questa desquamazione non avviene correttamente. Le cellule morte si ossidano in contatto con l’aria e tappano il canale, provocando la formazione di punti neri. Se non vengono curati, i punti neri diventeranno prima punti bianchi e poi brufoli.

Le cause dei punti neri

La Dott.ssa Braeken ricorda che le cause dei punti neri sono diverse:

  • La pubertà o i cambiamenti ormonali. La produzione o l’assunzione di ormoni attivano le ghiandole sebacee responsabili della produzione di sebo. Nel corso della vite, questi fattori ormonali (pillola, menopausa, gravidanza...) renderanno la pelle più reattiva e favoriranno la comparsa dei punti neri.
  • L’utilizzo di cosmetici detti comedogenici. Sono generalmente corpi grassi o prodotti per il trucco che tappano la pelle, come alcuni tipi di cipria. La Dott.ssa Braeken consiglia quindi di leggere attentamente le etichette e di privilegiare i prodotti non-comedogenici.
  • Una scarsa igiene della pelle e un’alimentazione troppo ricca di grassi e zuccheri.
  • Le pelli grasse o miste sono più colpite dai punti neri. I pori sono molto più dilatati e producono più sebo rispetto alle pelli secche.

I nostri trucchi contro i punti neri: come evitarli?

TRUCCO N°1 : 

Pulisci regolarmente la pelle, struccati, fai uno scrub, applica una maschera, spalma un po’ di crema… e in generale pensa ad avere una buona igiene.

TRUCCO N°2 : 

Evita di esporti al sole. Quando prende il sole, lo strato superficiale della pelle si ispessisce e il sebo si accumula. Quando la pelle ritrova il suo spessore normale, aumenta la formazione di punti neri.

TRUCCO N° 3 : 

Evita le soluzioni a base di alcool, aggressive per la pelle, e scegli prodotti delicati. 

Bisogna schiacciare i punti neri?

La Dott.ssa Catherine Braeken sconsiglia di togliere i punti neri da soli: "È possibile ma bisogna rispettare alcune regole. Molte persone non si lavano le mani e non disinfettano la pelle né prima né dopo. Vuotano a metà il punto nero o lo schiacciano male, provocando a volte dei fenomeni infiammatori".

I GESTI GIUSTI PER TOGLIERE I PUNTI NERi

  • Prendi appuntamento dall’estetista o dal dermatologo per imparare a schiacciare i punti neri senza rovinarti la pelle.
  • Un paio di giorni prima di toglierti i punti neri, applica una crema ricca di acido salicilico per ammorbidire l’eccesso di sebo. Puoi fare anche un bagno di vapore subito prima di schiacciare il punto nero per aprire i pori.
  • Lavati le mani e disinfetta la zona con una soluzione antisettica.
  • Schiaccia il punto nero tra due fazzoletti di carta o due bastoncini di ovatta. Se utilizzi un leva comedoni, pensa a disinfettarlo.
  • Non raschiare la pelle, che altrimenti rischia di squamarsi. 

Leggi anche: Dermatillomania, la mania di schiacciare i brufoli

Come curare i punti neri

Esistono varie terapie che permettono di eliminare i punti neri o di impedire che si formino. Puoi prenderti cura della tua pelle in casa, grazie a prodotti cosmetici appositi, oppure rivolgerti a un dermatologo.  

LE CURE COSMETICHE

La cosa più importante, per avere una pelle sana e dei pori puliti, è utilizzare mattino e sera un detergente adatto al tuo tipo di pelle.

Se hai tendenza ad avere la pelle grassa o mista, puoi utilizzare dei prodotti a base di zinco, ricco di proprietà anti-infiammatorie. Anche una crema a base di acido salicilico può essere efficace per ammorbidire le cellule che bloccano i pori della pelle.

Le persone colpite da forme gravi di acne possono utilizzare un prodotto a base di vitamina A e di acido cheratolitico (che solleva lo strato di cheratina). Attenzione, sono prodotti altamente irritanti, e richiedono un utilizzo sotto controllo dermatologico.

Anche i prodotti a base di acidi di frutta sono raccomandati per liberarsi dai punti neri. Aiutano a staccare le cellule morte e aumentano la desquamazione. Fai attenzione ad adattare la concentrazione di acidi di frutta in base al tuo tipo di pelle, in quanto, al di là di una certa concentrazione, possono essere irritanti.

Cosa pensare dei cerotti anti punti neri?

I cerotti anti punti neri ammorbidiscono le cellule che bloccano i pori e attirano la miscela di sebo e cellule morte all’esterno della pelle. Tutti i “rifiuti” si incollano al cerotto e la pelle è più pulita. Per la Dott.ssa Braeken, questi cerotti non sono particolarmente efficaci, e non sono inoltre adatti alle pelli secche o fragili. A causa della colla che contengono, i cerotti rischiano di strappare soprattutto delle pellicine. Non sono quindi la soluzione migliore per far sparire i punti neri.  

LE CURE FARMACOLOGICHE

La Dott.ssa Braeken precisa che non esiste una vera e propria cura per i punti neri. Ciononostante, esistono delle terapie farmacologiche per prendersi cura delle pelli a tendenza acneica, che aiutano in contemporanea a far sparire i punti neri.  

La pulizia dermatologica   

Viene praticata dal dermatologo dopo un’attenta osservazione della tua pelle. Lo specialista comincia generalmente con un peeling leggero all’acido glicolico per aprire i pori della pelle. Poi, procede a una pulizia profonda del viso: servendosi di un ago speciale o di un mini bisturi, effettua delle piccole incisioni. Per finire, toglie i punti neri con un leva comedoni e applica una soluzione a base di acido tricloroacetico per chiudere i pori e favorire la cicatrizzazione.

Il laser cO2 frazionato

Viene utilizzato per attenuare le cicatrici legate all’acne. Durante la seduta, viene diffusa dell’aria fredda per limitare le sensazioni sgradevoli, ed è possibile effettuare una piccola anestesia. Il laser restringe al massimo i pori e i punti neri spariscono. Dopo alcune sedute, si osserva un miglioramento della grana della pelle e una diminuzione dei pori dilatati.

Aurélie Sogny

Commenta
21/09/2015

Per saperne di più:


Newsletter

Forum Bellezza

Test consigliato

Qual è la pettinatura giusta per te?

Test bellezza

Scopri la pettinatura giusta per te